notre_dame_de_paris

“Notre dame de Paris” in scena

notre_dame_de_parisE’ partita da Parma la tournèe in occasione del decennale del debutto italiano di Notre Dame de Paris che porterà nuovamente il musical in giro per l’Italia. Uno spettacolo di un enorme successo di pubblico con quasi due milioni e mezzo di spettatori.La storia è sostanzialmente quella narrata da Victor Hugo ne “Il gobbo di Notre Dame”, una vicenda triste, dal tragico finale, in cui si intrecciano amori impossibili, folli passioni, ingiustizie e pregiudizi.

Il cardine attorno al quale tutto ruota è la figura della bella Esmeralda, gitana che vive sotto la protezione dell’amico Clopin la quale, suo malgrado, è in grado di suscitare grandi passioni. Di lei si innamorano, infatti, Frollo l’arcidiacono della Cattedrale che cova segretamente in sé questo fuoco, il capitano delle guardie del re, Febo, che è ricambiato da Esmeralda, ma che è già fidanzato con la giovane borghese Fiordaliso e, da ultimo, Quasimodo, il campanaro gobbo della Cattedrale che nutre per la zingara un amore puro e incondizionato. I fatti presto precipitano quando Frollo, cieco di gelosia, pugnala alle spalle Febo e fa ricadere la colpa su Esmeralda che viene imprigionata. A questo punto, proprio mentre l’arcidiacono si presenta in carcere promettendo alla gitana la libertà in cambio del suo corpo e riceve da lei un diniego sprezzante, interviene Quasimodo che libera la giovane e la conduce con sé sulla torre. Clopin dal canto suo, non comprendendo le vere intenzioni del gobbo, assalta la Cattedrale per liberare l’amica e viene ucciso da Febo nel corso di uno scontro. Il povero Quasimodo allora, credendo erroneamente che Febo voglia liberare Esmeralda, consegna la donna a Frollo il quale, a sua volta, la trasmette alle guardie. Il capitano in realtà ha promesso a Fiordaliso, disposta a riprenderselo solo a questa condizione, la morte di Esmeralda che viene subito condotta al patibolo. Quasimodo, dopo aver assistito all’impiccagione della sua amata, resosi conto del tradimento dell’arcidiacono, folle di rabbia, getta Frollo dalla torre e distrutto dal dolore, conduce il corpo della giovane alla tomba lasciandosi morire su di essa. Proprio in una vicenda come questa Cocciante ha trovato il terreno ideale, attraverso l’utilizzo della tematica dell’amore tradito così cara alla sua esperienza di cantautore, per sviluppare pienamente la sua poetica, imprimendo così il proprio ‘marchio di fabbrica’ ad una serie di melodie e temi musicali, molto simili fra loro a dire il vero, ma che si dipanano con buona coerenza.

LA SCHEDA

Autore: Riccardo Cocciante, Luc Plamondon, Pasquale Panella
Genere: musicale

PALATRIESTE
v. Flavia 3 – Trieste (TS)
Tel: 040 8320598


Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.