The Duchess of Cornwall views Leonardo Da Vinci's Mona Lisa during a visit to the Louvre Museum in Paris, France. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Tuesday May 28, 2013. See PA story ROYAL Paris. Photo credit should read: Chris Radburn/PA Wire

Alberto Angela e gli occhi della Gioconda

La Gioconda che racconta Leonardo. È il punto di vista suggerito da Alberto Angela durante l’incontro con i lettori, in occasione della presentazione del suo libro ‘Gli occhi della Gioconda’ alla libreria Feltrinelli in via Appia Nuova.

Guardando la Monna Lisa è possibile capire come il suo artista dipingeva e viveva. Ogni dettaglio del quadro stimola una riflessione: a partire dallo sguardo, che si posa a metà tra l’osservatore e l’infinito, e dal sorriso, il più enigmatico della Storia dell’Arte, grazie alla tecnica dello sfumato leonardesco che non permette all’osservatore di capire dove finiscono le labbra e inizia la pelle, al paesaggio dei calanchi e della prospettiva aerea. 15232287_10209755679640626_2647479057241359773_n

La Gioconda è un quadro rivoluzionario già nella sua epoca: Raffaello, la vede e ne rimane folgorato, ne fa un bozzetto a memoria e poi un quadro che è la prima copia ufficiale. I misteri irrisolti che da secoli avvolgono la Monna Lisa sono molti e nella sua ricerca Alberto Angela è stato affiancato da Carlo Pedretti, massima autorità mondiale su Leonardo Da Vinci. Di uno di questi ci dà indizio Giorgio Vasari: nel suo libro che racconta la vita degli artisti, scrive che l’opera è stata commissionata a Leonardo da un mercante fiorentino, tale Francesco del Giocondo, per sua moglie Lisa Gherardini. Ma è possibile che un semplice mercante potesse chiedere a Leonardo un quadro? È un dibattito che dura da anni, forse quello che scrive l’artista non è la verità e la figura ritratta è un’altra donna. Dall’uso di dipingere più quadri uguali, come ad esempio nel caso della Vergine delle Rocce, si intuisce che fosse possibile che Leonardo avesse dipinto due Gioconde.

«E’ stato difficile interpretare un uomo come Leonardo – confessa Alberto Angela – oltre che studiare le sue opere  è necessario “andare di rimbalzo”, ossia cercare cos’hanno scritto su di lui coloro che hanno vissuto nella sua epoca. Quando cominci ad approfondire la vita di questo incredibile artista e quello che ha fatto, ti ritrovi di fronte a un genio: era un uomo che ha studiato l’anatomia e la metallurgia, che dipingeva quadri e affreschi e che componeva testi musicali, era uno scultore; è diventato famoso per aver ideato automi e disegnato vestiti di scena per le feste. Poteva essere chiunque: un ricercatore come un regista; studiava il corpo umano come un chirurgo e al tempo stesso sapeva costruire come un ingegnere aeronautico qualcosa che volasse. Tuttavia non era il solo: Leonardo è passato come il più celebre ma durante il Rinascimento esistevano molti leonardeschi, gente come lui, degli inventori». 15225269_10211559608012820_1453259190_o

Attraverso un restauro digitale è possibile osservare i colori originali del quadro. Il colore degli occhi della Gioconda è castano. Ha capelli chiari con boccoli che scendono ma oggi non si vedono perché il quadro è coperto da vernici ossidate  poste fin dal ‘700 per il restauro. Il volto è particolare perché non ha sopracciglia e ciglia ed è strano perché, ancora Vasari, scriveva: “Aveva ciglia e sopracciglia così ben fatte che potevi seguire da dove nascevano dalla carne a dove uscivano ed erano orientate secondo i pori”. Tutto questo non è presente nel dipinto e gli studiosi si domandano se davvero parlasse dello stesso quadro del Louvre. Il velo della Gioconda non simboleggia il lutto ma la maternità. Gli occhi hanno due caratteristiche particolari che lo rendono unico al mondo: lo sguardo non guarda chi lo osserva ma passa attraverso e si posa sull’infinito.

Durante il Rinascimento le figure nei quadri venivano realizzati molto spesso di profilo: Leonardo ha fatto una cosa nuova, rappresentando una persona con il contrapposto leonardesco, come se fosse in movimento. Leonardo sotto questo aspetto è un fotografo, i suoi quadri non sono mai statici, come ad esempio, i personaggi del Cenacolo, tutti intenti a far qualcosa: lui li ha fotografati, nella magia dell’istante. Quando si guarda la Gioconda, non si riesce a capire la sua espressione perché non è possibile cogliere i dettagli che la rendono comprensibile. A metà ottocento, l’espressione della Gioconda è stata considerata ammiccante ed è diventata un sex symbol come Marilyn Monroe.

Le sue mani, a differenza delle altre donne dipinte negli altri quadri di Leonardo, non tengono nulla ma la loro posizione è essa stessa un simbolo: significano fedeltà. Il paesaggio rappresenta i calanchi, probabilmente quelli che si vedono prima di arrivare a Firenze. Le montagne sono scure ma in lontananza azzurrine, perché Leonardo stesso scrive: “L’aria ha uno spessore che cambia i colori”. La strada e il fiume rappresentati non sono casuali ma servono per portarti gradualmente verso l’orizzonte, tutto quello che è in basso è vicino, quello che è in alto gradualmente sempre più lontano.alberto-angela

Con le sue doti indiscusse di divulgatore, Alberto Angela accompagna il lettore in un viaggio fantastico, entrando nella vita di Leonardo, mostrandone il genio e il volto umano, l’incontenibile creatività e le relazioni. Alberto Angela continuerà a incontrare i suoi lettori, gli appuntamenti sono consultabili sul sito http://www.rizzoli.eu/libri/gli-occhi-della-gioconda/.

Alessia Rabbai

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.