intelligenza-artificiale

Anche l’intelligenza artificiale è capace di mentire

A immagine e somiglianza dell’uomo, non nella parte esteriore, almeno per ora, ma come capacità di immagazzinare dati ed elaborarli per fornire prestazioni che un tempo, neanche troppo remoto, sembravano di pertinenza esclusiva dell’intelligenza umana.

Stiamo parlando dell’intelligenza artificiale, in particolare dei chatbot, i software che dialogano con le persone via chat come fossero utenti virtuali: stanno diventando sempre più intelligenti e stanno imparando a trattare, e mentire, proprio come l’uomo. Lo afferma Facebook, il cui team di ricerca sull’intelligenza artificiale (Fair) ha compiuto dei passi in avanti nell’insegnare alle macchine come negoziare.

Quella di intavolare trattative è un’attività di comunicazione molto complessa, perché richiede anche la capacità di progettare in anticipo le proprie mosse e affermazioni. In qualche caso è necessario bluffare, quindi mentire. Facebook, spiegano i ricercatori nello studio appena pubblicato, ci è riuscito. Ha sottoposto ai chatbot dei dialoghi di negoziazione tra persone reali e poi li ha addestrati a imitarli. Gli utenti virtuali avevano compiti semplici, come dividersi un certo numero di oggetti di diverso valore. I progressi raggiunti dai chatbot, spiega Facebook, sono stati tali per cui in test successivi di dialogo con esseri umani, questi ultimi non si sono resi conto che stavano dialogando con una “macchina” e non con una persona. E anche la capacità di bluffare non era tra gli insegnamenti programmati, ma un comportamento che i chatbot hanno adottato per raggiungere i propri obiettivi.

Facebook, che ha da poco lanciato l’assistente virtuale M nella sua chat Messenger, non è l’unico big di internet a spingere sull’intelligenza artificiale impiegata negli assistenti digitali. Della partita sono anche Google, Apple, Amazon, Microsoft.

 

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.