bankitaliaaa

Bankitalia, scontro sulle nomine

bankitaliaaaE’ braccio di ferro sul nome di Fabrizio Saccomanni come successore di Mario Draghi al vertice di Bankitalia. La sortita di ieri di Giulio Tremonti, che ha rilanciato Vittorio Grilli alla guida di Palazzo Koch, ha provocato la reazione del Consiglio superiore di Via Nazionale, che ribadisce la necessità di scelte sulla scia dell’autonomia e dell’indipendenza dell’Istituto. Concetti che anche per il Quirinale rappresentano la via maestra da seguire. Tutto ciò si sarebbe tradotto in una situazione di stallo nella complessa partita per la successore di Mario Draghi alla guida della Banca d’Italia.

Anche se sembra essere sempre Saccomanni in pole, visti gli identikit forniti non solo da Bankitalia ma anche dall’opposizioni. E visti anche i requisiti richiesti dal Colle. Resta il fatto, però che nonostante la girandola di incontri e colloqui che, nelle ultime 48 ore, hanno coinvolgono il Quirinale, Palazzo Chigi, il ministro dell’Economia e l’attuale numero uno di palazzo Koch, la soluzione sembra ancora in alto mare. L’ipotesi di una candidatura interna sarebbe gradita non solo al Capo dello Stato, si ragiona in ambienti di maggioranza e opposizione, ma anche caldeggiata dal board di via Nazionale. E avrebbe tra gli sponsor la stessa Bce. Ad alzare le barricate è invece il titolare di via XX Settembre favorevole, come Umberto Bossi, all’ascesa di Vittorio Grilli, attuale direttore generale del Tesoro. Una partita complessa su cui Berlusconi al momento sceglie di non forzare la mano sfruttando, spiegano i suoi fedelissimi, tutto il tempo a disposizione per arrivare a formalizzare un nome che eviti di aprire fratture profonde nel governo.  Dopo i contatti ad alto livello di ieri, oggi ci sono stati nuovi incontri a palazzo Chigi e al Quirinale. A varcare il portone del governo è stato prima Mario Draghi, poi si è presentato Giulio Tremonti. Il numero uno di via nazionale si è poi recato dal Capo dello Stato. Montecitorio invece, complice il voto sulla mozione di sfiducia a Saverio Romano, è diventata la cornice per una serie di valutazioni politiche nella maggioranza sulla questione. Il titolare del Tesoro viene fermato da diversi parlamentari e ministri tra cui Roberto Maroni. Se Bossi in mattinata aveva espresso il suo gradimento per Grilli perché “di Milano”, il titolare del Viminale torna sull’argomento con Tremonti: “Ad agosto – gli chiede il ministro del Carroccio – avevamo detto che era meglio mandare uno che era indicato da Draghi”. Il titolare di via XX Settembre però sarebbe al momento irremovibile. Stessa cosa viene fatta filtrare da via Nazionale dove il Consiglio superiore dell’istituto centrale garantisce che sarà rispettata l’autonomia e l’indipendenza. A seguire con preoccupazione l’intera vicenda è Giorgio Napolitano. E’ chiaro che il capo dello Stato è impegnato a far sì che siano rispettate tutte le procedure previste dalla legge alla ricerca di una soluzione che raccolga il consenso più ampio. Il bandolo della matassa è ora nelle mani del Cavaliere che si trova a dover fare i conti anche con la componente del Pdl ‘anti Tremonti’ che lo invita a non cedere alle richieste del ministro dell’Economia. Tant’é che una delle ipotesi prese in considerazione è quella di provare a far convergere tutti su un altro candidato. Una sorta di ‘terza via’ che al momento appare difficilmente percorribile. E’ girata ancora in serata una terna di nomi che comprenderebbe, oltre a Saccomanni, anche Grilli e Bini Smaghi. Una soluzione però, si ragiona sempre in ambienti della maggioranza, che porterebbe a far bloccare il pendolo sempre sul nome dell’attuale direttore generale di Bankitalia. Impegnato nel cercare una soluzione che eviti l’ennesimo scontro all’interno del governo è Gianni Letta. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio è costantemente in contatto con i più alti livelli istituzionali, ma anche con i leader dell’opposizione che all’unisono convergono nell’appoggiare la scelta di Saccomanni. I leader di Pd e Udc, Casini e Bersani non scandiscono il nome in modo esplicito, ma in una nota congiunta nell’esprimere “preoccupazione per l’incertezza del governo” a proporre un candidato, contemporaneamente, ne indicano l’identikit: “L’obiettivo fondamentale – scrivono – è che alla Banca d’Italia sia assicurato presto un assetto di vertice stabile; che non presti il fianco a interpretazioni negative, fondate o meno che siano, sull’autonomia della banca centrale italiana”.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.