BERLUSCONI

Berlusconi: distanze umane, non sui programmi. Ritorna Forza Italia

Eur, Palazzo dei Congressi. Tra le note di ‘ Azzurra Libertà’, Silvio Berlusconi varca le porte a vetri e il suo arrivo dà inizio al Consiglio nazionale del Pdl. Il Cavaliere, col suo intervento che è anche l’unico dal palco, sancisce oggi il ritorno a Forza Italia, dopo la scissione formalizzata ieri dai filo-governativi di Angelino Alfano che hanno deciso di dare insieme (gli scissionisti sono a momento 60: 37 al Senato e 23 alla Camera) vita ad un nuovo ‘centro destra‘.

” Siamo qui per ratificare attraverso questo Consiglio Nazionale la dipartita del Pdl, che potremmo utilizzare per radunare tutti i moderati”. Ma non può non annotare che sono passati quasi vent’anni dalla fondazione del partito degli azzurri (Forza Italia nasce il 18 gennaio 1994) e ora “siamo tutti meno giovani” ed è necessario quindi “lanciare un nuovo appello ai ragazzi e alle ragazze, protagonisti nelle imprese, nella cultura e nelle università”, alle persone “di buona volontà” che si rendono conto  “di come stanno andando le cose nel Paese” perché scendano in campo in prima persona, consapevoli del fatto che “questi politici che sono anche frutto delle vostre scelte elettorali e quindi anche voi siete in colpa se non avete saputo indicare una classe dirigente migliore”.

 

Berlusconi dice di aver provato “molto dolore” per la decisione di Alfano
 di fare dei nuovi gruppi. In realtà il Cavaliere non nomina mai il vicepremier, e a tratti sembra commuoversi. Racconta di aver provato “molto dolore di fronte al fatto che si sono, anzi erano già riuniti, e hanno dato vita a un gruppo diverso nel Senato e che hanno anche pronto un nome, ‘ nuovo centrodestra’. Potete immaginare dopo aver perseguito dal ’94 la missione di unire i moderati il dolore con cui abbiamo appreso questa notizia. Questa notte non sono riuscito a dormire”.
M invita la platea a non rilasciare dichiarazioni sugli scissionisti. E dalla stessa si leva un coro che grida al loro indirizzo: “Buffoni, traditori!”.
Silvio al cospetto di tutti i convenuti al Consiglio Nazionale rilancia quindi Forza Italia:  “Noi siamo inguaribili ottimisti e ci riproviamo ancora. Vogliamo la resurrezione di un nome che abbiamo nel cuore”. La nuova Forza Italia avrà come la vecchia dei circoli sul territorio che non si chiameranno più ‘Forza Italia’ ma ‘club Forza Silvio‘”. E tra le priorità dei club – spiega il Cav – ci sarà quella di individuare le “sentinella del voto” per contrastare i “brogli della sinistra”.
Ore 13:  Il Consiglio nazionale del Pdl approva all’ unanimità il documento dell’ ufficio di presidenza del 25 ottobre scorso che dichiara cessata l’ attività del Pdl e fa rinascere Forza Italia con pieno mandato politico e giuridico di Silvio Berlusconi di dirigerne le attività.  E’ Renato Brunetta a proclamare l’esito della votazione che è avvenuta con i delegati che hanno alzato il badge del Cn. Nessun astenuto e nessun contrario.  Falchi, lealisti e mediatori: più del 75 per cento del Pdl confluisce nella nuova Forza ItaIia.
Il Cavaliere è  pronto per la sua ultima avventura come comandante.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.