borsa (archivio)

Borse Ue positive trascinate da Tokyo

È stato violento, ma pare archiviato, l’effetto altalena dei mercati finanziari di giovedì scorso e durato fino a ieri. Il Nikkei ha chiuso una giornata positiva facendo segnare un +1,2%  dopo aver aperto le contrattazioni in netto calo. Le Borse europee si fanno contagiare dall’ottimismo e anche il nostro Paese può dirsi soddisfatto per l’esito di un’asta di Ctz e Btp. A Piazza Affari il Ftse Mib  rialza sino all’1,75%. Francoforte +1,1%, Parigi +1,5% e Londra +1,6%.

Il Tesoro, dopo aver incassato la fiducia dall’Europa, torna alla prova dei mercati in una tre giorni di aste a partire da oggi. Per la Corte dei Conti la crisi italiana è costata 230 mld dal 2009. E’ arrivato il momento della svolta per i titoli pubblici italiani. Sono stati venduti infatti tutti i 2,5 miliardi di euro di Ctz in asta, con scadenza dicembre 2014, con tassi in calo al minimo storico dell’ 1,113%, rispetto all’1,167% dell’asta precedente. Assegnati poi 987 milioni di euro di Btp a 5 anni indicizzati all’inflazione ad un tasso dell’1,83%, anche in questo caso in calo. Domani toccherà ai Bot semestrali e giovedì sarà la prova del fuoco con i Btp a cinque e dieci anni per un massimo complessivo di 5,75 miliardi. Lo spread tra Btp e Bund si restringe in area 255 punti base, con un rendimento per il decennale italiano stabile in area 4%. L’euro è in lieve calo sul dollaro, ma sopra quota 1,29: la moneta unica europea viene scambiata a 1,2924 dollari e 131,95 yen.

Il petrolio, che perde 92 cents al barile, è scambiato a 93,23 dollari. Il contratto Brent, sempre con consegna a luglio, perde 12 cents. Sull’andamento delle materie prime ha influito recentemente anche l’aspettativa per la crescita cinese.

E.S.

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.