bavaglioa2

Camera, sì ddl penale. M5S: norma liberticida

La Camera approva il nuovo testo del ddl penale, con 314 sì, 129 no e 51 astenuti,  questo giovedì all’esame del Senato. Contestato l’art.29, che contiene le nuove regole sulle intercettazioni. 

L’iter della legge delega sulle intercettazioni era già iniziato al luglio, e costituiva il punto maggiormente contestato della riforma del codice penale. «È un bavaglio», contesta in Aula il M5S. Due i punti fondamentali: la «selezione di materiale intercettativo nel rispetto del contraddittorio delle parti, fatte salve le esigenze di indagine». Dovrà essere garantita la riservatezza dell’insieme delle comunicazioni intercettate siano esse telefonica o telematiche pena quattro anni di reclusione per «la diffusione, al solo fine di recare danno alla reputazione o all’immagine altrui, di riprese audiovisive o registrazioni di conversazioni, anche telefoniche, svolte in sua presenza ed effettuate fraudolentemente».

La diffusione sarà legale «quando le registrazioni o le riprese sono utilizzate nell’ambito di un procedimento amministrativo o giudiziario o per l’esercizio del diritto di difesa o del diritto di cronaca».

«La delega – spiega Walter Verini (Pd) – contiene un contemperamento tra la necessità di fare le indagini con il diritto di cronaca e l’esigenza di non violare la privacy dei cittadini che non c’entrano niente».

 «Si vota una norma liberticida, che davvero richiama i peggiori periodi della storia italiana», sostiene Alfonso Bonafede, M5S. Mentre l’Idv afferma di essere intenzionata  «a denunciare ogni eventuale tentativo di limitazione delle intercettazioni come strumento di indagine».

P.M.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.