Dombrovskis

Conti pubblici, Dombrovskis promuove l’Italia

La manovra correttiva italiana piace a Valdis Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione UE e Commissario europeo alla stabilità finanziaria. “A prima vista”, dice l’ex premier della Lettonia, le misure indicate dal governo per ridurre di 3,4 miliardi il deficit strutturale dei conti pubblici – pari allo 0,2% del PIL – “sembra essere” in linea con gli impegni presi con le istituzioni europee.

Il giudizio definitivo dell’esecutivo comunitario sulla conformità del bilancio italiano al Patto di stabilità europeo arriverà intorno alla metà del mese. Le conclusioni saranno pubblicate nel pacchetto di primavera sulla governance economica.

Si dice ottimista con riserva anche l’Ufficio parlamentare di bilancio (UPB), l’autorità che vigila sulla finanza pubblica. L’attività economica in Italia è in recupero, e il PIL crescerà “di circa lo 0,2 per cento nei primi tre mesi dell’anno in corso, per poi accelerare nel successivo trimestre”. Ma il DEF “presenta un quadro ancora indefinito sulle misure di correzione da adottare per il raggiungimento” degli obiettivi di bilancio.

Centrare gli obiettivi fissati dal governo lo scorso autunno, con “la disattivazione completa delle clausole di salvaguardia” – cioè l’aumento dell’IVA e delle accise –, porterebbe il governo a “predisporre, nei prossimi mesi, misure almeno pari a circa 1 punto percentuale di Pil nel 2018 e a circa 1,5 punti percentuali nel biennio successivo”.

L’UPB ha comunque forti dubbi sulla possibilità che il debito pubblico scenda sotto il livello di guardia della UE.

Il profilo del rapporto debito/PIL, seppure previsto in discesa, non appare sufficiente per assicurare il rispetto della relativa regola numerica entro l’orizzonte di programmazione.

Rispettato solo in parte anche il criterio della flessibilità richiesta nel 2016 in nome degli investimenti pubblici, “anche a causa dei fisiologici ritardi dovuti all’inizio del nuovo ciclo di programmazione dei fondi strutturali”.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.