carceri

Decreto svuota carceri, ok dal Governo

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge sulle carceri, presentato dal ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri e un ddl sulla giustizia civile.

Il Consiglio dei Ministri ha affrontato il nodo giustizia attraverso un decreto legge e un disegno di legge. Il dl ha a che vedere con la situazione carceraria e i diritti fondamentali dei detenuti. Il ddl imprime un’accelerazione per lo smaltimento della giustizia civile.

Lo ha reso noto, al termine del Cdm,  il presidente del Consiglio Enrico Letta.

Le misure contenute nel dl hanno l’obiettivo di alleggerire il sovraffollamento, riducendo i flussi in entrata e in uscita dalle carceri, e di migliorare le condizioni di vita dei detenuti. In particolare, nel decreto legge approvato dal Cdm è stata inserita la figura del Garante. In conferenza stampa il premier ha spiegato:

Abbiamo individuato l’ istituzione del Garante nazionale delle persone detenute o comunque sottoposte a misure restrittive. Un impegno di cui si è discusso lungamente, oggi facciamo passo avanti importante. Inoltre c’è il rafforzamento e l’ utilizzo sostanziale del braccialetto elettronico e altri interventi che servono a calmare una situazione carceraria sottoposta a rischio di sanzioni da parte di organismi internazionali. Era importante evitare queste sanzioni e che l’ Italia non sia additata tra i Paesi in cui non si rispettano diritti umani in carcere.

Altre novità del decreto sulle carceri, che tiene conto delle sollecitazioni provenienti dal presidente della Repubblica, dalla Corte costituzionale e dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo, sono il braccialetto elettronico per chi è ai domiciliari, introduzione della fattispecie di “piccolo spaccio di stupefacenti”, ampliamento a 75 giorni, dagli attuali 45, di liberazione anticipata ogni 6 mesi.
Questo provvedimento dà voce a chi non l’ aveva all’ interno del carcere, ha detto il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, rilevando che con il Garante dei detenuti si introduce uno strumento di tutela, di grandissima civiltà giuridica: si tratta di una figura indipendente perché in Italia i diritti civili sono tutelati. Il decreto carceri, ha aggiunto il Guardasigilli, si muove su tre direzioni: più tutela per i detenuti, regolare i flussi in entrata e in uscita dal carcere e rinforzare la magistratura di sorveglianza.

 

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.