112_numerounico

Emergenza terrorismo? Chiamate il 112

Per l’emergenza terrorismo e per ogni altra necessità, da oggi i romani possono chiamare il 112, il numero unico per le emergenze. È operativo da oggi, infatti, il centralino unificato – o PSAP, dall’inglese Public service answering point – che raccoglie tutte le chiamate ai numeri d’emergenza nazionale.

Indipendentemente dalla natura dell’emergenza, attraverso la centrale unificata si potrà contattare uno qualsiasi dei quattro servizi d’emergenza nazionali: Carabinieri (112), Polizia di Stato (113), Vigili del fuoco (115) e pronto soccorso medico (118). 115 e 118 sono già passati al nuovo regime, mentre il primo dicembre sarà la volta di 112 e 113.

Il Governo ha deciso di anticipare l’avvio del servizio a Roma e dintorni in previsione dell’apertura del Giubileo, che inizierà il prossimo 8 dicembre. L’annuncio ufficiale è stato dato lunedì dal presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti. Il governatore aveva appena partecipato a un vertice sulla sicurezza a Roma, organizzato a due giorni dai tragici attentati di Parigi con il prefetto di Roma Franco Gabrielli e il sub-commissario Ugo Taucer, uno dei sei vice di Francesco Paolo Tronca.

La decisione di attivare il centralino unificato prima del Giubileo era stata presa dal Governo lo scorso agosto. Il disegno di legge – firmato dal premier Matteo Renzi, dai ministri della Pubblica Amministrazione Marianna Madia e dell’Economia Pier Carlo Padoan – riflette in realtà una direttiva UE del 1991, applicata nel frattempo in tutti gli altri Stati comunitari. Il ritardo italiano era stato già punito nel 2009 con una sentenza della Corte di Giustizia UE.

Il nuovo sistema è articolato in due livelli. Gli operatori del primo PSAP si occupano di smistare le chiamate, bloccando quelle non appropriate (circa 60 su 100), e compilare in tutti gli altri casi una scheda elettronica inviata ai centralini secondo livello. Tutti i dati e tutte le conversazioni sono registrate secondo protocolli stabiliti dal Centro elaborazione dati (CED) del ministero dell’Interno.

Il modello è stato sperimentato con successo in Lombardia a partire dal 2010, prima solo in provincia di Varese, poi su tutto il territorio regionale, e ha vinto il 112 Award assegnato dall’Associazione per il Numero di Emergenza Europeo al “miglior progetto di centrale unica d’emergenza”. In Lombardia operano tre centrali: oltre a quella di Varese ne sono state aperte una a Milano e Brescia. Nel Lazio, oltre a quella di Roma, ne aprirà un’altra a Frosinone.

F.M.R.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.