Equitalia, continuano le intimidazioni in tutta Italia

Equitalia, l’AD ai responsabili: valutate caso per caso

Sensibilità, attenzione, umanità: l’amministratore delegato di Equitalia ha scritto ai direttori delle strutture della società chiedendo loro di operare con estrema attenzione in questo periodo di crisi. La gente già in difficoltà spesso vede recapitarsi cartelle per i debiti con il fisco e allora, dice l’ad Benedetto Mineo, bisogna fare uno sforzo in più e ”valutare caso per caso, persona per persona”.
Le indicazioni sono contenute in una lettera interna – anticipata dall’ANSA – nella quale Mineo rileva: ”Non possiamo permetterci un comportamento non adeguatamente orientato alla sensibilità”.
Equitalia prende dunque atto di ”un disagio esteso, conseguenza diretta del perdurare della crisi” e l’ad chiede ai suoi di fare un lavoro capillare, tenendo conto delle situazioni in cui si trovano le persone.
Lo spunto della lettera interna è un episodio di cronaca di un piccolo imprenditore pugliese che aveva scritto ad un giornale locale il proprio proposito di suicidarsi perché sommerso dai debiti, in particolare quelli verso lo Stato che Equitalia riscuote. La lettera era stata pubblicata un sabato ma la società di riscossione aveva reagito subito, non tenendo conto del week-end nel quale normalmente gli uffici sono a riposo. ”Abbiamo chiamato il giornale, siamo risaliti all’indirizzo, un nostro funzionario si è messo in viaggio e ha raggiunto in casa l’autore della missiva. La cosa che più ci interessava era stare vicino a quell’uomo affinché non si sentisse abbandonato dalle Istituzioni”, racconta ancora l’ad a tutti i funzionari. Una storia finita bene.

Ma ” l’episodio – fa presente Mineo – non costituisce un caso isolato”. ” Siamo consapevoli che l’arrivo di una richiesta dall’agente della riscossione, in un momento come quello che stiamo vivendo, possa infrangere equilibri già instabili. Di fronte a queste situazioni non possiamo permetterci di commettere errori o di avere un comportamento non adeguatamente orientato alla sensibilità  che queste circostanze richiedono”.

”In questo modo – conclude la lettera – ” possiamo vedere riconosciuto il nostro lavoro al servizio di un Paese che vogliamo più giusto, la nostra professionalità, l’imparzialità nel rispetto delle leggi e, non ultima, la nostra umanità”.

Se solo ci avessero pensato prima, si sarebbero potuti evitare tanti drammi personale e familiari.

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.