corruzione

Eures: boom reati corruttivi. Roma maglia nera

Arriva nel post ‘Mafia Capitale’ l’analisi statistica sui reati contro la Pubblica Amministrazione. Il report, diffuso dall’istituto Eures, racconta di un Paese dove nel 2014 sono stati commessi 3828 reati contro la PA, ad opera di pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio, mentre sono state ben 9.691 le persone denunciate o arrestate per gli stessi reati nel corso dell’anno.

Oltre la metà dei reati censiti nel 2014 (2.138, pari al 55,9%) è avvenuto in una regione del Sud Italia, dove si contano 10,2 reati ogni 100 mila residenti, a fronte di 3,5 al Nord e di 5,7 al Centro (6,3 in media in Italia). Significativamente inferiore – si legge nel documento – risulta il numero dei reati consumati al Nord (983 pari al 25,7% del totale nazionale) e nelle regioni del Centro (707 reati, pari al 18,5%)”.

A livello regionale maglia nera per Campania, con 643 reati e 1.280 persone denunciate o arrestate; Sicilia, con 461 reati e 1.387 denunciati; e Lazio, con 405 reati e 1.094 persone denunciate. Sul fronte opposto, le regioni più virtuose risultano l’Emilia Romagna e il Trentino Alto Adige, entrambe con un “indice di corruzione” pari a 2,7.

Impietosa in particolare la fotografia del Lazio, in cui “tra il 2009 e il 2014 i principali reati contro la Pubblica Amministrazione (commessi da Pubblici Ufficiali) aumentano del 54,6% (+34,5% in Italia), passando da 262 a 405.  Soltanto nell’ultimo anno nel Lazio l’aumento dei reati è stato pari al +15,1% (sono state 352 le denunce nel 2013)”.

L’aumento complessivo dei reati contro la PA “trova conferma anche in termini relativi, passando nel Lazio l’indice per 100.000 abitanti da 4,8 nel 2009 a 6,9 nel 2014 (da 4,8 a 6,3 in Italia). Tale crescita è dovuta al forte incremento rilevato nella provincia di Roma (+84%, rispetto al 2009), mentre risulta più costante la presenza del fenomeno nell’insieme delle altre province (+9,2%).”

Sono soprattutto i reati di corruzione “in senso stretto” a crescere in maniera preponderante. Solo a Roma si parla di un incremento del 422%, a fronte di +113% in Italia e di +281% nel Lazio, una crescita che si concentra nell’ultimo anno, quando “il numero di questi reati subisce una vera e propria impennata (+262% a Roma, +205% nel Lazio e +181% in Italia)”.

“Accanto alla corruzione – si legge ancora – si rileva a Roma e nel Lazio una crescita di tutti i reati dei pubblici funzionari e amministratori “infedeli”, affermandosi dunque la presenza di una cultura corruttiva sistemica e pervasiva, capace di attraversare trasversalmente e quindi di generare una saldatura tra gli interessi illeciti di segmenti rilevanti del sistema politico, dei funzionari e pubblici amministratori, dei cittadini e della cattiva imprenditoria”.

Dopo la corruzione, infatti, è il reato di abuso d’ufficio a presentare l’incremento più significativo, “con una crescita a Roma (+76,3%, da 38 a 69 reati) superiore a quella regionale (+32,6%, da 89 a 188 reati) e nazionale (+14,1%, passando i reati da 1.099 a 1.254)”.

Con il segno positivo anche i reati di peculato e di omissione o rifiuto di atti d’ufficio – “ancora una volta più marcata a Roma (rispettivamente +50% e +40,8%), rispetto al valore regionale (+44,4% e +29,2%) e nazionale (+30% e +11,9%)”– così come il reato di concussione, che a livello nazionale è in flessione del 20,7%, “presenta un aumento del 5,9% nel Lazio e del 16,7% a Roma (da 10 a 14 reati denunciati in valori assoluti nell’ultimo anno)”.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.