Zen bar Parigi

Francia:”ZZZ Zen”, a Parigi il primo siesta bar

Zen bar Parigi

Zen Bar a Parigi

 Un quarto d’ora per spuntino e pennichella, al costo di 12 euro, per ricaricare le pile e continuare il proprio lavoro. Per il recupero delle energie psicofisiche, anche per spezzare la monotonia di un lavoro ripetitivo, ogni lavoratore ha diritto all’intervallo pranzo qualora l’orario giornaliero superi il limite di sei ore.Per le modalità e la durata della pausa per la consumazione di un pasto basta riferirsi ai contratti collettivi di lavoro.

Ma come far fruttare al meglio il momento di relax, anche solo di un quarto d’ ora, prima di immergersi nuovamente nel lavoro o nel traffico cittadino? Spesso viene voglia di chiudere gli occhi , purtroppo però non sempre si ha un divano a disposizione. Nella capitale francese a realizzare questa possibilità ci ha pensato “ZZZ Zen”, il primo iesta bar nato nel cuore della zona degli affari, che offre luci soffuse, atmosfera riposante e musica rilassante: si può scegliere anche tra il fruscio del vento o le onde del mare. Dopo il pranzo si indossano le ciabatte, si sale in un’area predisposta dove si può scegliere tra una comoda poltrona reclinabile con massaggio incluso o un ampio letto. Soprattutto in tempo di crisi – secondo il proprietario dell’esercizio, Christophe Chanhsavang, 30 anni, un ex assistente trader stressato – è importante ritrovare le energie per affrontare le sfide. E non c’è nulla di meglio che un sonnellino pomeridiano.

L’idea parigina segue la tendenza delle “Yellow Spas”, una moda fiorita in Giappone ed esplosa negli Stati Uniti, che ha traversato l’oceano per sbarcare ai piedi della Tour Eiffel. Perché quando si tratta di nuove idee, si sa, Parigi è sempre all’avanguardia.

Il bar “ZZZ Zen” ha aperto i battenti, a due passi dell’ Opera, solo due settimane fa. Si aspettava una trentina di clienti al giorno, ma ogni giorno ne accoglie molti di più. E tutto per la modica cifra di 12 euro per 15 minuti: il prezzo della tranquillità in una metropoli dove ritagliarsi uno spazio di solitudine può risultare una missione impossibile, soprattutto all’ora di pranzo.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.