netanyahu

Gerusalemme, camion omicida: 9 arresti

Sono 9 gli arrestati dalla polizia israeliana in seguito all’attentato compiuto ieri a Gerusalemme nel viale di Armon Hanatziv (o Talpiot est), quando il camionista palestinese  Fadi al-Qanbar (28) si è scagliato a tutta velocità contro un gruppo di militari che scendevano da un autobus, uccidendone quattro, un militare e tre soldatesse. Il video dell’attentato ha già fatto il giro del web.

“Secondo tutti gli elementi raccolti finora – ha detto il premier Benyamin Netanyahu direttamente dal luogo dell’attentato insieme al ministro della Difesa Avigdor Lieberman – l’autore è un sostenitore dello Stato Islamico“. 

Tra i responsabili della morte dei 4 militari, tutti di circa 20 anni, e di almeno altri 15 feriti, troviamo anche cinque parenti dell’attentatore Fadi al-Qanbar.

Solo lo scorso ottobre, si era verificato un altro atto terroristico, quando  un altro attentatore palestinese aveva sparato sui viaggiatori che attendevano sulla banchina lungo il percorso della ferrovia leggera, causando due morti e sei feriti.

“Sappiamo – ha proseguito Netanyahu prima di recarsi alla riunione del gabinetto di sicurezza convocata d’urgenza – che c’è un filo comune di attentati e certamente può esserci un legame con la Francia e Berlino e adesso Gerusalemme”.

Il portavoce di Hamas Hazzem Qassem ha scritto sulla sua pagina Facebook che “le continue operazioni in Cisgiordania e a Gerusalemme est provano che l’Intifada di Gerusalemme non è un evento isolato, ma piuttosto una decisione del popolo palestinese di ribellarsi finché non otterrà la sua libertà e la liberazione dall’occupazione israeliana”. 

Sono  scoppiati disordini a Gerusalemme est, nel rione di Jabel Mukaber.  Per il primo ministro Benjamin Netanyahu ora il rischio è che questa escalation di violenza possa compromettere la posizione di Israele nel prossimo vertice internazionale di Parigi per la pace in Medioriente, spingendo per la seconda volta l’Onu ha mettere in dubbio gli insediamenti ebraici nella città.

 

 

 

 

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.