Ibrahim Abu-Bakr Al Baghdadi

Isis, Al Baghdadi ucciso il 28 maggio dai russi

Mosca sostiene di aver ucciso il leader dell’Isis Ibrahim Abu-Bakr Al Baghdadi in un raid vicino Raqqa il 28 maggio. “Secondo le informazioni che si stanno verificando attraverso diversi canali”, nel sobborgo a sud di Raqqa “era presente anche il leader dell’Isis Ibrahim Abu-Bakr Al Baghdadi, che e’ stato eliminato inseguito al raid”, fa sapere il ministero della Difesa russo, citato dal sito online della tv del dicastero, ‘Zvezda’.

Il leader del sedicente Stato islamico è stato dato per morto diverse volte in passato. L’ultima risale a pochi giorni fa, l’11 giugno, quando la televisione di Stato siriana ha riferito che il ‘Califfo’ era rimasto ucciso in un raid sulla città di Raqqa il giorno prima, e cioè il 10 giugno. La notizia della tv di Damasco non ha poi ricevuto altre conferme.

Già il 10 novembre 2014, quando Baghdadi aveva da pochi mesi annunciato la nascita del ‘Califfato’, il ministero dell’Interno iracheno affermò che il leader jihadista era rimasto ferito in un raid aereo iracheno ad Al Qaim, nella provincia occidentale di Al Anbar, mentre l’allora ministro degli Esteri iracheno, Ibrahim al Jaafari, si spinse a scrivere su Twitter che Baghdadi era rimasto ucciso. Il giorno dopo, l’11 novembre, alcuni abitanti di Mosul dichiararono al quotidiano egiziano al Ahram che il capo dell’Isis era invece stato colpito alla testa dai raid Usa nella regione tra Iraq e Siria, e che era morto poche ore dopo. Il Pentagono aveva in effetti confermato di aver colpito un convoglio di leader dell’Isis vicino a Mosul, ma senza poter confermare quale fosse la sorta di Baghdadi. Solo sei mesi dopo, nell’aprile del 2015, un nuovo annuncio fu diffuso da alcuni media iraniani e iracheni e ripreso da siti online panarabi di scarsa autorevolezza: secondo l’informazione di non meglio precisate fonti di intelligence irachene – anche questa rimasta senza conferme -, Baghdadi era morto in un ospedale israeliano sulle Alture del Golan al confine con la Siria, dopo essere rimasto ferito in un raid aereo il 18 marzo. Sempre nel 2015, ancora il governo iracheno rese noto che il ‘Califfo’ era rimasto coinvolto in un raid dell’aviazione di Baghdad nell’ovest del Paese e che era stato “portato via d’urgenza”, ma senza saper precisare se fosse rimasto ferito. Il giorno dopo, il 12 ottobre, fonti mediche locali riferirono che Baghdadi non risultava né tra i feriti né tra i morti dell’operazione. Un anno fa, nel giugno 2016, una tv irachena rese noto che Baghdadi era stato ferito in un raid della Coalizione a guida Usa, nella provincia di Ninive, a ovest di Mosul. Ma Washington non confermò nemmeno questa informazione. Ed è solo di pochi giorni fa, dell’11 giugno, l’ennesima notizia sulla sua uccisione: la televisione di Stato di Damasco ha riferito che il ‘Califfo’ era rimasto ucciso, stavolta in Siria, in un raid su Raqqa il giorno prima, e cioè il 10 giugno. Due settimane dopo la data della presunta morte nel raid russo sulla stessa città siriana del 28 maggio.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.