lady cenere

Lady Cenere emerse dall’inferno e muore di cancro

Era miracolosamente scampata all’inferno di fuoco e cenere causato dall’attentato alle Twin Towers dell’11 settembre del 2001, ma, dopo anni di vita segnata dall’incubo di quel giorno, lunedì scorso a 42 anni di età è morta di cancro Lady Cenere. In quell’orribile e tragico giorno la donna era stata immortalata da un fotografo dell’AFP, agenzia di stampa francese, mentre sconvolta e atterrita fuggiva attraverso l’atrio della torre nord completamente ricoperta di polvere in ogni sua parte. Lo scatto, agghiacciante, l’aveva fatta passare alla storia ed era rientrato tra le 25 immagini più potenti nella lista del Time.

Si chiamava Marcy Borders aveva 28 anni e lavorava da solo un mese presso la Bank of America all’81esimo piano del World Trade Center, quando due Boeing 767 furono lanciati contro le torri nord e sud da un gruppo di terroristi suicidi di al-Qā ida. “Sentii una forte esplosione, come una bomba, non avevo idea che fosse crollata la torre“, in pochi istanti Marcy riuscì ad imboccare le scale fuggendo rapida attraverso decine di piani della torre.  Quella corsa straordinaria le salvò la vita, ma le ceneri che respirò e che la ricoprirono durante la fuga le furono fatali. Da quel momento Lady Cenere non trovò mai più pace.

La tremenda esperienza di quello spaventoso attentato continuò a tormentare Marcy per anni nel corpo e nella mente. Smise di uscire di casa, perse il lavoro, cominciò a bere e ad assumere droghe al punto che le fu tolta persino la custodia dei figli. Infine, proprio quando sembrava essere sul punto di riprendersi, le fu diagnosticato il cancro allo stomaco che l’ha portata, un anno dopo, alla morte. Aveva dichiarato in un’intervista di aver sempre cercato di evitare di vedersi ritratta in quella foto ricoperta di quelle ceneri che sono state poi la causa della sua morte: “Lo credo fermamente perché non avevo mai avuto nessuna malattia, niente alta pressione sanguigna, colesterolo alto, diabete“.

Con la morte di Lady Cenere salgono a circa 3.000 il numero delle vittime causate dagli attacchi terroristici dell’11 settembre. Erano 2.974 le persone che persero la vita in quel giorno funesto, ad esse se ne sono aggiunte altre centinaia, tra soccorritori, superstiti e testimoni, morte in seguito a malattie causate dal fumo formatosi quel giorno dal crollo delle due torri. Ad altre 1.140 persone, che hanno lavorato, studiato o vissuto a Lower Manhattan nel periodo degli attentati, è stato diagnosticato un cancro.

Vania Amitrano

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.