midem-2017

Midem: Sarah Stennett, un artista moderno

Il MIDEM, fiera internazionale dedicata agli addetti ai lavori dell’industria musicale che si svolge a Cannes, propone ogni anno incontri ed eventi stimolanti per tutto “l’ecosistema musicale”.

Uno dei temi più attesi del MIDEM di quest’anno è stato quello dell’amministratore delegato di First Access Entertainment, Sarah Stennett, all’avanguardia nel settore da oltre due decenni e pioneristica nell’uso di nuove forme per l’industria musicale, ha contribuito a sviluppare le carriere di alcuni dei più grandi campioni di vendite globali. Al MIDEM KEYNOTE ha condiviso la sua visione sul futuro dell’industria musicale odierna spiegando cosa significhi per lei essere un artista moderno, esaminando come l’industria si adatti a sostenere queste nuove figure e chiedendosi se la vecchia rock’n’roll star ha ancora un posto oggi, nell’era dei social media e dello streaming.

MIDEM-sarah-Stennet-1024x682La giornalista inglese Lisa Verrico che conduce l’incontro chiede alla Stennett: “la rock star canonica è morta!?Stennet conviene, “Sono d’accordo”, ha detto, poi precisa: “…Per me l’ultima rock ‘n’ rock star globale della famiglia pre-streaming è stata Lady Gaga come figura disgregatrice e culturalmente importante che ha trasceso la musica per immergersi nell’arte e nella moda”.

“Credo sia importante definire cos’è una rock ‘n’ roll star, quali sono state le sue componenti?” si chiede la Stennett guardando le immagini delle “vecchie glorie” che venivano proiettate su uno schermo dietro di lei: “Non è un suono. È uno spirito di ribellione. Non è ribellione fine a se stessa. È una ribellione che riflette quello che stava accadendo nella cultura giovanile dell’epoca.” Quindi la rock star è decretata dal suo seguito che la riconosce come proprio interprete.

In questi termini la Stennet spiega come tale forza attualmente può creare dei centri di gravità indipendenti che possono piegare il mainstream alla propria volontà senza compromessi, quindi, focalizzando l’attenzione sul mercato inglese: “Se si guarda a quello che sta accadendo con l’emergere del Grime nel Regno Unito, quella scena musicale esiste al di fuori del più stabile business musicale e sistema aziendale”, ha sostenuto. “Quegli artisti, il pubblico e la community, lo chiamano movimento ed hanno una forza tale da aver creato il proprio spazio all’interno del sistema”.

Stennett ha affermato che l’industria musicale a causa del drammatico declino delle vendite, ha dovuto necessariamente ridurre “l’intraprendenza” che comporta fattori di rischio troppo alti in molti settori. “Penso che negli anni ’60 ci sia stato molto meno rischio”, ha sostenuto. Inoltre afferma che “…. allora c’erano alcuni dirigenti che erano rock’n’roll come gli stessi artisti”.

L’ossessione dell’industria discografica per i dati e le statistiche ha avuto vita breve, suggerendo che si stava guardando al telescopio in modo sbagliato…

Ha continuato: “Era una frase d’uso comune nell’impresa che spero sia andata in disuso, ma questa idea del “troppo presto” ha significato che non c’erano statistiche. La prima domanda sarebbe stata quanti followers di Instagram c’erano, quanti streaming c’erano e così via. Se non erano abbastanza, veniva visto come “troppo presto”. Per me, se ci sono molte statistiche, probabilmente è troppo tardi! Quello a cui siamo interessati come business e ciò che mi entusiasma davvero è il ‘troppo presto’. “Troppo in anticipo” è quando gli artisti hanno bisogno di supporto e se non ottengono quel supporto potrebbero perdere la propria strada e non avere alcuna speranza di diventare una rock star “.

Per la Stennett, Internet ha causato il crollo delle vecchie certezze e gli scenari basati sulle città come Seattle e Manchester non sono più così importanti da quando sono arrivate nuove generazioni di espressioni che ci giungono attraverso chi si sente senza confini, passando dall’underground alla ribalta mondiale improvvisamente.

La Stennett riporta come esempio la sua esperienza con Lil Peep: “La cosa davvero interessante per me, è stato apprendere dalla comunity intorno a Lil Peep quanto il suo personaggio sia globale. Pur essendo americano, il giovane Soundcloud rapper” che ha iniziato la sua carriera postando in rete le sue musiche, ha voluto cominciare il tour live dalla Russia. La Stennett racconta: “…Siamo andati in tre città. Quello che per me è stato completamente sconvolgente e straordinario era che questo ragazzo, che non aveva PR e non aveva preparato nulla, poteva andare lì e trovare un suo pubblico pronto ad acclamarlo…”.

Stennett è convinta che coloro che nuotano contro la marea avranno la più grande eredità e lo vede accadere abbastanza frequentemente da renderla estremamente ottimista sul futuro.

Quelli intorno agli artisti possono offrire loro consigli, ma non dovrebbero mai dire loro cosa fare.

“La gente fa degli errori e dovrai aspettare che trovino la propria strada”, ha concluso. “È il loro tempo. Non è il nostro tempo. Si tratta di lasciarli andare e credere che queste persone emergeranno ed investire su di loro prima che perdano la propria strada”.

 

Audrey Barros

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.