Franco Interlenghi

Muore Franco Interlenghi, volto del neorealismo

Nella storia del cinema il suo volto rimarrà sempre quello del giovane bello dalla faccia pulita, semplice e idealista che dalla povertà del dopoguerra getta uno sguardo carico di aspettative su un futuro migliore. Franco Interlenghi si è spento questa mattina a Roma nella sua casa di Ponte Milvio all’età di 83 anni. Fu interprete del neorealismo nei suoi anni migliori e lavorò sotto la direzione delle più significative e prestigiose firme registiche.

Quello neorealista era un cinema che somigliava alla vita in cui gli attori, più che recitare, si muovevano in uno spazio reale, il loro aspetto e il loro comportamento richiamava un’esistenza vera e tangibile. E Franco Interlenghi era proprio questo, un volto reale passato dalla vita al cinema. Aveva solo quindici anni quando De Sica lo scelse tra i tanti ragazzini di strada che nel dopoguerra per fame si presentavano a fare le comparse. Un giorno giocava con i suoi compagni a tirarsi un pezzo di legno e il giorno dopo divenne Pasquale Maggi, il giovane lustrascarpe protagonista di “Sciuscià”, che nel 1947 meritò l’Oscar come miglior film straniero.

Da allora Franco Interlenghi divenne a tutti gli effetti una delle figure più rappresentative del cinema neorealista. Interpretò Moraldo ne “I vitelloni” di Fellini, Claudio ne “I vinti” di Antonioni, il giovane Mariolino della Bruciata in “Don Camillo” e fu anche genero di Totò in “Totò, Peppino e i furilegge”. Per tutto il corso degli anni ’50 portò avanti una brillante carriera. Successivamente cominciò a ricoprire ruolo di minor importanza a causa della forte caratterizzazione impressa alla sua immagine dai primi film, ma la sua capacità di interpretazione rimase sempre intensa e significativa anche in ruoli non di primo piano.

Oltre che per il cinema lavorò anche in teatro, recitò sotto la direzione di Visconti in “Rosalinda o come vi piace” di Shakespeare, in “Morte di un commesso viaggiatore” di Muller e nel “Troilo e Cressidra” sempre di Shakespeare.

Con professionalità ha impiegato il suo talento anche in molte miniserie televisive ed ha continuato a lavorare fino al 2010.

Vania Amitrano

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.