vita-digitale2

Nuove tecnologie, al via nelle scuole il magazine “Vita digitale”

La società sta cambiando per l’influsso delle tecnologie. E nelle scuole di tutta Italia entra il tg digitale che spiega l’impatto della rete e del “traffico di dati” su stili di pensiero, di vita e di consumo.

vita-digitaleL’impatto della digitalizzazione sulla società è enorme ed investe ogni ambito, influisce sugli stili di pensiero e di vita, genera nuove sostenibilità e nuove opportunità sia per il lavoro che per l’impresa. A partire da domani mattina, nelle scuole di tutta Italia arriva un telegiornale digitale che si propone proprio di far comprendere il cambiamento in atto e soprattutto di farlo comprendere alle nuove generazioni.

Il telegiornale “Vita digitale” sarà aperto dall’intervento del ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, ed è la prima delle iniziative previste dal programma Knowledge, che a sua volta rientra in un progetto finanziato dal ministero dell’Ambiente e organizzato da Nuvola verde, comitato di aziende, associazioni, università ed istituzioni culturali che si occupa della sperimentazione dell’ora digitale nelle scuole.

La prima fase di Knowledge include il meeting in programma  dal 14 al 17 novembre al Museo nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano, per poi proseguire il 18 novembre in Regione Lombardia.

Il meeting Knowledge è dedicato agli studenti delle scuole superiori collegate telematicamente con il Museo della scienza. Sul palcoscenico dell’Auditorium al Museo della Scienza nuovi stili di pensiero, di vita e di consumo che alimentano la relazione fra digitalizzazione delle società, sviluppo sostenibile e opportunità di lavoro e impresa: giovedì sarà la giornata dedicata al lavoro, venerdì alla società e sabato ai saperi. Lunedì la chiusura in Regione Lombardia con la consegna dei voucher di Net generation dell’Assessorato regionale all’Istruzione. 

 

I temi saranno affrontati in diverse modalità: dalle suggestioni dei mentori alle testimonianze degli ‘eroi’ digitali; dai focus per l’approfondimento tematico alle dimostrazioni e i laboratori; dalle performance scientifiche e culturali dal Palcoscenico alle esibizioni di artisti e poeti. Fuori dal Museo, intanto, in Galleria del Corso e in piazza Città di Lombardia, i robot del Politecnico di Milano, accompagnati dal Pianoforte robot dello Cmela di Università di Padova mentre l’Auto che si guida da sola dell’Università Bicocca viaggia tra l’hangar dei treni e il sommergibile Toti nel cuore del Museo della Scienza.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.