jpg

Oncologa uccisa nel teramano: suicida l’assassino

 Si è tolto la vita il presunto assassino della dottoressa Ester Pasqualoni, 53 anni, di Teramo, uccisa ieri pomeriggio con un coltello nel parcheggio dell’ospedale locale. È stato trovato morto in un appartamento di Martinsicuro (Teramo). Si chiamava Enrico Di Luca, 69 anni, ex investigatore privato. Si sarebbe strangolato con una fascetta di plastica. Per gli investigatori, sarebbe lo stalker, ‘la persona che dava fastidio alla vittima’. Sembra che la loro conoscenza sarebbe avvenuta al day hospital anni addietro.

Per uno stalker “l’omicidio della sua vittima, seguito dal proprio suicidio, è il tentativo impossibile e psicotico di eliminare fisicamente la causa del proprio disagio”. Così Massimo Di Giannantonio, presidente dei professori di psichiatria italiani, commenta la vicenda di Ester Pasqualoni, la dottoressa di Teramo uccisa ieri all’uscita dell’ospedale in cui lavorava. “Da ciò che appare, il suicidio di questa persona è la conclusione, vissuta come ineluttabile e inevitabile, di un percorso esistenziale arrivato al proprio limite”, rileva lo psichiatra. “L’uomo che ha ucciso questa donna ha cercato un’impossibile via d’uscita dalla propria angoscia. La sua vita era possibile solo perseguitandola”. Dietro figure del genere, continua Di Giannantonio, “la psicoanalisi ci insegna che ci sono problematiche irrisolte con la figura femminile, in particolare quella materna. Cercare una relazione impossibile con un’altra figura femminile, significa costruire un rapporto da cui si fa dipendere la propria vita”. In altre parole, per lo stalker la sua vita è possibile se la donna scelta per costruire un rapporto “lo accetta e lo tollera. Diversamente, la sua vita diventa impossibile”. Purtroppo in questo caso, come in altri di femminicidio, “la vittima è stata lasciata da sola, e le istituzioni si sono mostrate impreparate e inadeguate ad evitare questa tragedia – prosegue – E’ importante che le vittime di stalking attivino un circuito di richieste d’aiuto potente, che coinvolga familiari, colleghi di lavoro, assistenti sociali, dipartimenti di salute mentale e forze dell’ordine. E le istituzioni devono fare di più, perchè spesso sottovalutano queste grida d’allarme”. Ma, conclude Di Giannantonio, se anche questi omicidi presentano problemi psicopatologici, “ciò non significa che sia un viatico per l’immunità. Tanta giurisprudenza e casi valutati in tribunale, se giudicati correttamente, dimostrano che non è un motivo per dare l’immunità. L’importante è che la vittima chieda aiuto e pretenda solidarietà, senza vergognarsi”.Una dottoressa è stata accoltellata davanti all’ospedale Val Vibrata di Sant’Omero (Teramo). La donna è stata soccorsa immediatamente ma è morta poco dopo. Tra le piste che gli investigatori seguono, c’è anche quella di uno stalker nei confronti del quale erano state presentate due denunce dalla vittima.

La dottoressa uccisa era un medico oncologo dell’Ospedale di Sant’Omero (Teramo). Si chiamava Ester Pasqualoni e aveva 53 anni. E’ stata colpita con un coltello alla gola. La tragedia si è verificata nel pomeriggio subito dopo le ore 16 quando nel parcheggio dinanzi al nosocomio della Val Vibrata. La donna, originaria di Roseto degli Abruzzi (Teramo) era uscita da poco dall’Ospedale dove lavora come responsabile del day hospital oncologico della struttura.

Secondo le prime ricostruzioni la donna sarebbe morta quasi subito dissanguata. A scoprire il corpo della dottoressa riverso in una pozzanghera di sangue sarebbe stato un altro dipendente dell’Ospedale che ha dato subito l’allarme. Poi la disperata corsa dei colleghi del pronto soccorso per cercare di soccorrerla ma ogni tentativo è risultato vano perché la dottoressa era già deceduta.

Le indagini di Polizia e Carabinieri alla caccia dell’assassino sono iniziate da subito a tutto campo. Si cercava in particolare una Peugeot 205 di colore bianco che sarebbe stata vista aggirarsi nei dintorni del parcheggio nei momenti precedenti la tragedia.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.