meningite-vaccino

Roma, sos meningite. Ma la diagnosi è diversa

Se l’ospedale avesse confermato la diagnosi, si sarebbe trattato del secondo caso di morte per meningite nella Capitale. Nella sfortuna di aver perso una maestra di poco più di 50 anni, insegnante sino al giorno prima del suo ricovero, il giorno di Natale, in ospedale in una classe della primaria Cesare Battisti, alla Garbatella, la fortuna è invece quella di avere la certezza che nel suo caso non si tratta di meningococco. Quindi nessun rischio di contagio.

La precisazione sul caso arriva direttamente dalla Regione Lazio che scrive:

In relazione al decesso della donna morta il 26 dicembre scorso presso il Policlinico Gemelli si precisa che, effettuati gli esami presso la struttura ospedaliera universitaria del Gemelli, non si tratta di meningite meningococcica, ma di una forma dovuta al batterio escherichia coli senza rischio di trasmissione diretta da persona a persona. In accordo con raccomandazioni internazionali, si comunica inoltre che in seguito alle prime informazioni la Asl Roma 2 ha fatto eseguire la profilassi precauzionale dei contatti stretti (circa una trentina di persone).
La donna, che insegnava presso la scuola Cesare Battisti alla Garbatella e aveva poco più di 50 anni, era stata ricoverata il giorno di Natale presso l’Ospedale San Giovanni e successivamente era stata trasferita al Policlinico Gemelli.
La profilassi per la famiglia della paziente è scattata il giorno di Natale, mentre per gli alunni, le loro famiglie, e per il personale della scuola in contatto con la donna è scattata grazie all’intervento della Asl Roma 2, in collaborazione con l’Autorità scolastica, nella giornata di ieri (27 dicembre) a seguito della notifica da parte del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giovanni.

La donna, insegnante di matematica, dopo una breve malattia  era tornata ad insegnare il 19 dicembre, fino al giorno 23. La maestra era stata successivamente ricoverata il 25 dicembre all’ospedale San Giovanni, poi trasferita al Policlinico Gemelli, dove è morta il giorno seguente, a causa di una meningite meningococcica.

A dare l’annuncio un’email, firmata dal funzionario della Asl Paolo Grillo e rivolta a tutte le famiglie dei suoi alunni, dove insieme al cordoglio si esprimeva anche la preoccupazione di un possibile contagio. Nell’informativa inviata ai genitori s’invitava perciò l’assunzione di una cpr di Ciprofloxacina 500 mg “per tutti gli adulti che abbiano avuto contatti stretti in un luogo chiuso per più ore al giorno con la professoressa” e di Rifampicina 600 mg. 1 cpr due volte al dì per due giorni “per gli alunni della classe, ove insegnava la suddetta docente”. La Cesare Battisti, immortalata anche nella serie TV ‘I Cesaroni’, fa parte del plesso scolastico ‘Istituto Piazza Sauli e conta circa 450 alunni.  Per ora i bambini ad essersi sottoposti a profilassi sono circa una decina. 

“I genitori sono in costante contatto: sono tristi per la notizia e al tempo stesso preoccupatissimi” spiega una mamma, Valentina F. La docente “faceva anche supplenze e sostituzioni quando erano assenti gli altri insegnanti e spesso si occupava anche degli alunni che non seguivano l’ora di religione, perciò tutta la scuola è in subbuglio”, spiega Daniela M., altra mamma.

La meningite è in realtà una delle forme più comuni di malattia causate dal batterio meningococco. Il tempo d’incubazione non è lungo (si va dai 3 ai 4 giorni). A farne le spese nella maggior parte dei casi sono i bambini molto piccoli (0 ai 5 anni d’età) e gli adolescenti e solo in alcuni casi, colpisce gli adulti sopra i 25 anni, soprattutto se viaggiatori internazionali.  I sintomi vanno da  febbre a mal di testa, rigidità del collo, nausea, vomito e fotofobia (sensibilità dell’occhio alla luce). A causa della proliferazione del batterio in un clima secco, secondo i dati dell’Oms, i più alti tassi di malattia nel mondo si registrano nella cosiddetta meningitis belt (fascia della meningite), area che comprende i Paesi dell’Africa sub sahariana, dal Senegal all’Etiopia.

P.M.

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyrıght 2013 FUEL THEMES. All RIGHTS RESERVED.